Mala artigianale in Ametista pietre medie – Collezione Casa Karam

, , , , , , , , ,

Casa Karam presenta la sua collezione di Mala artigianali da Meditazione: piccoli gioielli realizzati a mano da esperti artigiani di Bologna amanti dello Yoga e della meditazione. Solo pietre semipreziose di primissima qualità, solo l’amore e la cura che solo lo spirito artigianale sa dare!

Collezione Casa Karam di Mala artigianali da meditazione – Mala in Amestista

Mala artigianale in Amestista – Questa bellissima mala artigianale in 108 grani di Ametista  è realizzata a mano in esclusiva per Karam Khand Yogashop da Ellen, bravissima insegnante di Yoga ed artigiana, in pietre semipreziose di primissima qualità. Curata fin nel minimo dettaglio, è il compagno ideale per la vostra pratica meditativa e un giogiello spirituale da portare sempre con voi!

L’Ametista

Come tutte le altre pietre dal sistema cristallino trigonale, anche l’ametista agisce in maniera semplice e diretta. Per tanto troverà una maggiore affinità con voi se prediligete uno stile di vita sobrio e tranquillo. Ideale per coloro che non amano eccedere e non fanno il passo più lungo della gamba, così da evitare rischi inutili.

Il significato dell’ametista profondo è: se amate fare scelte ponderate e riflettute, se siete consapevoli che ogni cambiamento richiede tempo e dedizione, allora siete capaci di mantenere vivo in voi il dono più grande: quello dell’equilibrio.

Può rivelarsi un alleata fondamentale per quelle persone che invece vogliono far proprie le sue qualità. Se volete allontanare lo stress, trovare la vostra zona comfort (senza però adagiarvi, perché imparerete che tutto è mutevole) e imparare a gestire le situazioni difficili con mente lucida, allora potete decidere di tenere l’ametista sempre vicino a voi.

L’ametista viola, proprio a livello cromatico, è collegata al sesto chakra. Lavora quindi su tutta la sfera del sistema nervoso, non solo a livello psicologico appunto, ma anche per quanto riguarda patologie come mal di testa da affaticamento e emicranie.

Promuove l’apertura del terzo occhio, aiuta a vedere oltre le apparenze ed a comprendere meglio la natura dei sogni.

Collegata all’elemento acqua e l’universo femminile in generale, questa pietra vulcanica aiuta a regolare i liquidi corporei, i gonfiori a attenuarsi e le ferite a rimarginarsi prima.

Tenere vicina l’ametista permette di affrontare i problemi sotto la giusta prospettiva. Guardare attraverso la lente di questo quarzo aiuta a vedere tutto in una dimensione nuova. I problemi insormontabili riprendono le giuste dimensioni e gli eventi non renderanno più schiava la persona, ma saranno alleati per raggiungere gli obbiettivi.

LE MALA

I mala sono tradizionali corone di meditazione indiane, composte da 108 grani. Secondo millenarie scritture Veda, il corpo umano è formato da 72000 canali energetici chiamati “nadi”.

Ci sono 108 nadi principali, che si collegano tutti al chakra “hrit padma” situato subito sotto al cuore. Effettuare meditazione ripetendo 108 volte un mantra porta energia a tutti i 108 nadis principali, e utilizzare questa coroncina aiuta a tenere il conto dei mantra ripetuti.

Il numero 108 simboleggia inoltre, nelle sue tre unità, le tre caratteristiche base dell’universo: unità, vuoto e infinito.

Nel buddhismo tibetano viene data invece una spiegazione più pratica al numero 108 “Noi recitiamo un mantra 100 volte, e poi ce ne sono 8 extra, nel caso avessimo fatto qualche errore nel nostro cammino”.

Come si usa la  Mala

Viene usata per contare i mantra che vengono recitati giornalmente, e incorpora l’energia positiva che viene sviluppata durante la pratica della recitazione.

Generalmente non viene indossata come se fosse una collana o un gioiello, anche se solitamente accompagna il praticante in tutta la sua giornata.

Vi sono mala fatte di materiali preziosi, e di materiali poveri. Mala che ricordano l’impermanenza (fatte d’osso, o anche a forma di teschio, per rammentare che prima o poi dovremo tutti terminare la nostra attuale esistenza) con lo scopo di ridimensionare l’eccessivo attaccamento alle cose e alle soddisfazioni materiali; e mala che per il colore o per il materiale di cui sono fatte si collegano ad una pratica particolare (ad esempio mala di cristallo: la purificazione, la pratica di Vajrasattva).